Vai direttamente ai contenuti della pagina

seguici su:

Direzione Generale della tutela delle condizioni di lavoro e delle relazioni industriali svolge attività di informazione, diffusione e monitoraggio a cittadini e imprese della normativa inerente il rapporto di lavoro subordinato e autonomo.

Le attività specifiche consistono in studio e analisi delle tipologie contrattuali e dei relativi istituti come di seguito specificati:

 

 Disciplina del rapporto di lavoro

 

 I contratti di lavoro si suddividono nelle seguenti tipologie:

 

Lavoro subordinato

Il contratto di lavoro subordinato è caratterizzato da una "subordinazione" del lavoratore, il quale in cambio della retribuzione si impegna a prestare il proprio lavoro alle dipendenze e sotto la direzione di un altro soggetto.

Lavoro parasubordinato

Il lavoro parasubordinato indica un tipo di lavoro con caratteristiche intermedie tra quelle del lavoro subordinato e quelle del lavoro autonomo. Si tratta di forme di collaborazione svolte continuativamente nel tempo, coordinate con la struttura organizzativa del datore di lavoro, ma senza vincolo di subordinazione.

  • Contratto di lavoro a progetto (abrogato dal 25 giugno 2015 ai sensi dell'art. 52 del decreto legislativo 81/2015)               
  • collaborazioni coordinate e  continuative, lavoro occasionale (d.lgs. n. 81/2015)

Lavoro autonomo

Il lavoro autonomo è svolto da chi si obbliga a compiere nei confronti di un committente, a fronte di un corrispettivo, un'attività in proprio e senza vincolo di subordinazione .

Altri tipi di contratto

 

Ulteriori tipologie contrattuali e istituiti oggetto di studio e analisi della Direzione  

  • qualificazione del contratto di lavoro (subordinato - autonomo);
  • lavoro a progetto, occasionale, accessorio (D.L. 76/2013 art. 7 co. 2, lett. e, convertito con legge n. 99/2013);
  • disciplina generale dei rapporti di lavoro, anche a contenuto formativo con esclusione dei problemi connessi alle fasi dell'assunzione e del licenziamento individuale;
  • rapporto di lavoro cooperativo;
  • contratti di lavoro a tempo parziale 
  • trasferimento d'azienda e di ramo d'azienda (art. 2112 c.c; art. 32 del d.lgs. n. 276/2003);
  • disciplina dell'appalto e del distacco;
  • certificazione dei rapporti di lavoro;
  • lavoro minorile (decreto legislativo 345/99); 

 

lavoro domestico:   

- Accordo siglato il 18 gennaio 2016 (formato .pdf 826 Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2016

Accordo siglato il 2 febbraio 2015 (formato .pdf 735 Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2015 

Accordo siglato il 6 febbraio 2014 (formato .pdf 747 Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2014

Accordo siglato il 7 febbraio 2013 (formato .pdf 604 Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2013

Accordo siglato il 17 gennaio 2012 (formato .pdf 580 Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2012

Accordo siglato il 21 gennaio 2011 (formato .pdf 612 Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2011

- Accordo siglato il 22 gennaio 2010 (formato .pdf 628 Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2010 

Accordo siglato il 20 gennaio 2009 (formato .pdf 232 Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2009 

- Accordo siglato il 25 gennaio 2008 (formato .pdf 204Kb) - tabella minimi retributivi fissati dalla Commissione nazionale - decorrenza 1 gennaio 2008

 
  • soccorso alpino; 
  • regime degli orari di lavoro e dei riposi:

 

 

 - Procedimento amministrativo: Modifica della tabella I annessa al D.M. 22/6/1935 e s.s. m.m. concernente le deroghe all'obbligo di riposo domenicale. Istanza di parte. 

 

  • forme di retribuzione;

  • sospensioni tutelate del rapporto di lavoro: malattia, infortunio, servizio militare, congedi formativi e altri diritti di assenza, con esclusione di quelli derivanti dalla condizione di lavoratrice madre, lavoratore padre, disabile o parente di disabile;

  • trattamento di fine rapporto; documenti di lavoro;
  • licenziamenti collettivi e mobilità;
  • trasporti su strada;
  • Disciplina dell'accesso alla professione di consulente del lavoro e della relativa attività:

 

- Indizione, ai sensi dell'art. 3 L. n. 12/1979, della sessione annuale dell'esame di abilitazione all'esercizio della professione di consulente del lavoro, di concerto con i Ministeri della Giustizia e dell'Istruzione, Università e Ricerca; Procedimento amministrativo


-  Disciplina dell'accesso alla professione di consulente del lavoro e della relativa attività; Bandi anno 2016
 - Disciplina dell'accesso alla professione di consulente del lavoro e della relativa attività; Bandi anno 2015

 

- Riconoscimento del titolo professionale di consulente del lavoro conseguito all'estero - D.lgs.  n. 206/2007;
- procedimento amministrativo (formato .pdf 366 KB), Modello domanda (formato .docx 23 KB) 
- Elenco decreti

 

- Regolamento dei consigli di disciplina dell'ordine dei consulenti del lavoro

 

Elenco dei rinvii alla contrattazione collettiva (nazionale e decentrata, ovvero territoriale e aziendale) previsti dal decreto legislativo 10 settembre 2003 n. 276.