Vai direttamente ai contenuti della pagina

seguici su:

Vigilanza sugli istituti di patronato

 

La costituzione degli istituti di patronato e di assistenza sociale – enti di diritto privato gestiti da Confederazioni ed Associazioni nazionali di lavoratori che annoverino nei propri statuti finalità assistenziali - va inquadrata nella tradizionale funzione di assistenza ai lavoratori svolta dalle organizzazioni sindacali.

La Legge 30 marzo 2001, n. 152 e s.m.i., "Nuova disciplina per gli istituti di patronato e di assistenza sociale" fissa nuove modalità di espletamento del servizio svolto dai patronati, allargandolo a nuove sfere di attività, precedentemente non previste, che rispecchiano la dinamica di sviluppo dei servizi e tiene conto del cambiamento intervenuto nel tessuto socio-economico del paese.

I patronati esercitano attività di informazione, di assistenza e di tutela, anche con poteri di rappresentanza, in favore dei lavoratori dipendenti e autonomi, dei pensionati, dei singoli cittadini italiani, stranieri e apolidi presenti nel territorio dello Stato e dei loro superstiti e aventi causa, per il conseguimento in Italia e all'estero delle prestazioni (di qualsiasi genere in materia di sicurezza sociale, di immigrazione e emigrazione) erogate da amministrazioni e enti pubblici, da enti gestori di forme di previdenza complementare o da Stati esteri nei confronti di cittadini italiani. Inoltre, possono svolgere, senza scopo di lucro, attività di sostegno, informative, di servizio e di assistenza tecnica finalizzate alla diffusione della conoscenza della legislazione in materia di sicurezza sociale.

In base all’art. 13 della Legge 152 del 2001, il D.M. n. 193 del 10 ottobre 2008 dispone che il finanziamento degli istituti di patronato e di assistenza sociale è corrisposto sulla base della valutazione della loro attività  e della loro organizzazione in relazione all’estensione e all’efficienza dei servizi offerti degli istituti medesimi.

Gli istituti di patronato e di assistenza sociale sono sottoposti alla vigilanza del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Attualmente sono costituiti n. 28 patronati, di questi n. 23 aderiscono ai seguenti raggruppamenti:

Istituti di Patronato e di Assistenza Sociale:

 

Sistema patronati

Normativa di riferimento