Vai direttamente ai contenuti della pagina

seguici su:

Cinque per mille - Anno 2011

 

Il decreto legge 29 dicembre 2010, n. 225, pubblicato sulla G.U. del 29 dicembre 2010, n. 305 – cosiddetto “milleproroghe” – ha incrementato  le precedenti disposizioni in materia contenute nella legge di stabilità approvata il 7 dicembre 2010, innalzando nel totale ad € 400.000.000,00 il tetto di spesa per l’erogazione del “5 per mille dell’Irpef” nel 2011, a parte € 100.000.000,00 riservati alla Sclerosi Amiotrofica (c.d. SLA).

La procedura di ammissione al beneficio ricalca le modalità ed i termini, opportunamente adattati, contenuti nella legge 22 maggio 2010, n. 73 (di conversione, con modifiche, del decreto legge 25 marzo 2010, n. 40) e nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 23 aprile 2010, pubblicato sulla G.U. dell’8 giugno 2010, n.131.

 

Il 14 marzo 2014 l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato una versione aggiornata degli elenchi degli ammessi e degli esclusi, con l'indicazione delle scelte e degli importi spettanti a ciascun beneficiario. La prima versione era stata pubblicata il 9 maggio 2013.

Il 5 per mille dell’anno finanziario 2011 è stato erogato nel corso del 2013 e nella prima parte del 2014 dal Ministero del lavoro e p.s. per il tramite dell’Agenzia delle Entrate. Gli elenchi degli enti per i quali è stato disposto il pagamento sono consultabili nel sottostante collegamento "Elenco dei pagamenti effettuati".

 

Dall’1 gennaio 2015 le somme residue dei contributi non erogati per l’anno 2011 non sono più disponibili sul bilancio dello Stato. Tali somme sono però iscritte tra le passività del patrimonio dello Stato (perenzione amministrativa) e potranno essere riassegnate al capitolo di spesa su richiesta del beneficiario del contributo, per il tramite del legale rappresentante, che mantiene il diritto per il periodo di prescrizione ordinaria. I moduli per la richiesta sono disponibili nella sezione dei “moduli per richieste” posta nella home page del “5 per mille”.

 

Elenco dei pagamenti effettuati

 

Contatti: email: Quesiti5permille@lavoro.gov.it