seguici su:
Progetti sperimentali in materia di Vita Indipendente ed inclusione nella società delle persone con disabilità
 
 
 
 
E’ stato approvato l’elenco degli ambiti territoriali, ammessi al finanziamento nazionale ai sensi del Decreto Direttoriale n.182 del 21 ottobre 2014, con il quale sono state adottate le Linee Guida per la presentazione di progetti sperimentali in materia di Vita Indipendente ed esclusione nella società delle persone con disabilità per l’anno 2014  -  Decreto Direttoriale n. 289 del 3 dicembre 2014
 
 _________________________________________________________
 
Il tema della vita indipendente è stato considerato una delle priorità del primo programma d'azione biennale per la promozione dei diritti e l'integrazione delle persone con disabilità, documento predisposto dall'Osservatorio sulla condizione delle persone con disabilità, di cui alla legge n.18/2009, adottato con decreto del Presidente della Repubblica in data 4 ottobre 2013 (GU n. 303 del 28.12.13 ).
 
Il programma rappresenta uno degli strumenti fondamentali con cui il legislatore ha previsto l'attuazione della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità e una delle sette linee di azione in esso contenute è in gran parte dedicata alle politiche, servizi e modelli organizzativi per la vita indipendente e l'inclusione nella società per le persone con disabilità.
 
In tale quadro il Ministero del lavoro e delle politiche sociali intende lavorare per costruire proporre un modello condiviso d'intervento che, ispirandosi alle proposte contenute nel richiamato programma d'azione, fornisca una delle possibili risposte all'esigenza di assicurare la piena applicazione delle disposizioni convenzionali e della legge nazionale in materia di vita indipendente, contribuendo alla sperimentazione di interventi omogenei sui territori regionali.
 
A tale scopo la Direzione Generale per l'Inclusione e le Politiche Sociali, con Decreto Direttoriale n. 134 del 31 ottobre 2013 ha adottato le Linee Guida per la presentazione, da parte di Regioni e Province Autonome, di proposte di adesione alla sperimentazione del modello di intervento in materia di vita indipendente ed inclusione nella società delle persone con disabilità. Le sperimentazioni si svolgono direttamente nei territori degli ambiti. Il monitoraggio delle iniziative, approvate con Decreto Direttoriale 206/2013 descritte, tutt'ora in corso di realizzazion è stato affidato all'ISFOL
 
In tale quadro, il Ministero e le regioni e le province autonome collaborano attivamente allo scopo di definire delle linee guida nazionali per l'applicazione dell'art.19 della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità (Vita indipendente ed inclusione nella società).
 
Nel mese di luglio 2014 si è riunito per la prima volta a Roma un Comitato di pilotaggio che, col coordinamento del Ministero e col ruolo di regione capofila da parte della Puglia, vuole mettere a fattor comune il quadro di sperimentazioni in materia, contando sui fondi a valere per l'anno 2013 sul Fondo Nazionale per le Politiche Sociali  e  per l'anno 2014 sul Fondo Nazionale per le non autosufficienze. Anche a seguito di quanto condiviso in seno al Comitato con le Regioni e Province Autonome e le federazioni rappresentative delle persone con disabilità, sono state pubblicate con Decreto Direttoriale n.182 del 21 ottobre 2014 le nuove Linee Guida per la presentazione, da parte di Regioni e Province Autonome, di proposte di adesione alla sperimentazione del modello di intervento in materia di vita indipendente ed inclusione nella società delle persone con disabilità. Anche per il 2014 le sperimentazioni si svolgono direttamente nei territori degli ambiti.