Vai direttamente ai contenuti della pagina

seguici su:

Fondo nazionale per le politiche sociali

 

Il Fondo nazionale per le politiche sociali (FNPS) è la fonte nazionale di finanziamento specifico degli interventi di assistenza alle persone e alle famiglie, così come previsto dalla legge quadro di riforma del settore n. 328/2000. Il Fondo Sociale, in particolare, va a finanziare un sistema articolato di Piani Sociali Regionali e Piani Sociali di Zona che descrivono, per ciascun territorio, una rete integrata di servizi alla persona rivolti all'inclusione dei soggetti in difficoltà o, comunque, all'innalzamento del livello di qualità della vita. Questa modalità di intervento ridisegna un nuovo sistema di welfare che intende partire da una visione di insieme delle problematiche, per operare sugli specifici settori, sempre tenendo conto delle interdipendenze tra i fenomeni sociali e tra le politiche pubbliche. 

Tra le risorse del Fondo Nazionale una parte delle quote è  riservata a 15 Comuni italiani,  come previsto dalla Legge 285/97, per la realizzazione di  progetti destinati ai diritti dell’infanzia e all’adolescenza.   

Le risorse contenute nel FNPS finanziano due aree d'intervento:  

  • da una parte trasferimenti economici alle persone e famiglie che vengono gestiti attraverso l’INPS;

  • dall’altra contribuiscono a finanziare la rete integrata di servizi sociali territoriali; questa parte viene ripartita tra le Regioni che, a loro volta ed in base alle proprie normative e programmazioni sociali, attribuiscono le risorse ai comuni. Sono questi ultimi gli enti responsabili dell’erogazione dei servizi ai cittadini organizzati e programmati all’interno dei Piani sociali di zona, dentro i quali più comuni possono associarsi per una gestione integrata dei propri servizi.  

A fronte del proprio ruolo di capofila della filiera di finanziamento, il Ministero si occupa di monitorare sia l’andamento della spesa per trasferimenti monetari, sia della spesa territoriale per servizi.

La gestione delle risorse nazionali per le politiche sociali risponde agli obiettivi generali fissati nella citata legge 328/2000 e alla definizione e all’aggiornamento di un complesso sistema di analisi dei bisogni sociali sui quali il Ministero è impegnato, a partire dalle attività seguenti:  

  • definizione di metodologie per l’analisi della domanda sociale finalizzata a una più ampia conoscenza del fabbisogno sul territorio;
  • analisi del fenomeno della povertà in Italia;
  • analisi dell’impatto del federalismo sulle politiche sociali. 

La Direzione realizza, insieme all’Istat, al Cisis e al Ministero dell'Economia e delle Finanze, l’indagine censuaria sugli interventi e servizi sociali nei comuni singoli e associati. Attualmente sono disponibili sul sito dell’ISTAT i dati relativi all’anno 2005.