Vai direttamente ai contenuti della pagina

seguici su:

Progetto Regione Abruzzo "Partecipiamo"

 

Il progetto "Partecipiamo!", attivato nel 2009, è realizzato in collaborazione con la Regione Abruzzo e ha inteso favorire l'applicazione dell'articolo 7 della L.285/97, che prevede l'attivazione di misure volte a promuovere la partecipazione dei bambini e degli adolescenti alla vita della comunità locale, nei luoghi colpiti dal sisma dell'aprile 2009, nei quali è stato necessario favorire, nei giovani, l'instaurarsi di processi di progressiva riappropriazione nei confronti del territorio di appartenenza.  

I soggetti coinvolti nell'attività progettuale sono:

  • minorenni di età compresa tra i 14 ed i 16 anni, residenti nei comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 ed iscritti al primo biennio della scuola secondaria di secondo grado;

  • gli istituti scolastici secondari di secondo grado siti sul territorio dei comuni indicati dal Decreto;

  • le amministrazioni comunali coinvolte nel sisma del  6 aprile 2009 individuate dai ragazzi nel corso dell'elaborazione progettuale. 

 

Finalità del progetto

"Partecipiamo!" ha l'obiettivo di favorire l'attivazione di interventi volti a promuovere la partecipazione dei giovani studenti alla vita della comunità locale. Pertanto, i ragazzi in età 14 - 16 anni sono stati coinvolti nel processo di ricostruzione di un sito/edificio significativo danneggiato dal terremoto, o nella ideazione di un nuovo spazio/luogo di aggregazione capace di promuoverne il  protagonismo.

Tale processo è stato condotto nel contesto scolastico di appartenenza dei minori coinvolti ed è stato condiviso e coordinato con gli enti locali interessati per un duplice motivo. In primo luogo per stimolare l'educazione alla cittadinanza e lo sviluppo di un'etica della responsabilità, che si realizzano nel dovere di scegliere e agire in modo consapevole e che implicano l'impegno ad elaborare idee e a promuovere azioni finalizzate al miglioramento continuo del proprio contesto di vita .

In secondo luogo per favorire l'effettiva realizzazione dei progetti elaborati dagli alunni e insegnanti, affinché il concetto di partecipazione non resti un'astratta speculazione teorica. Il progetto ha, dunque, lo scopo di stimolare i ragazzi, con l'aiuto dei docenti, ad un'attività di progettazione finalizzata ad elaborare proposte utili per la ristrutturazione, ricostruzione di un sito danneggiato dal sisma o ideazione di un nuovo spazio sul territorio comunale che possa essere catalizzatore della loro inventiva e che, allo stesso tempo, possa rappresentare un "luogo simbolo" che stimoli un processo di progressiva riappropriazione e di appartenenza al proprio territorio.  



Modalità di realizzazione

Gli obiettivi sono stati perseguiti articolando le attività in cinque fasi:

  1. in una prima fase sono stati attivati interventi di raccordo a livello centrale e regionale attraverso la costituzione di una Cabina di regia, composta da rappresentanti del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, della Regione Abruzzo, del Centro Nazionale Documentazione e Analisi per l'Infanzia e l'Adolescenza, dell'Ufficio Scolastico Regionale e dell'Anci, che ha pianificato, supervisionato e coordinato le attività e le fasi di svolgimento del progetto; 

  2. nella seconda fase del progetto, grazie al coordinamento della Cabina di regia, è stato attivato un raccordo locale tra i referenti comunali, i referenti delle scuole e i rappresentanti dei gruppi di studenti coinvolti nel lavoro. Ciò ha permesso di concordare un'impostazione di lavoro condivisa, capace di rendere concretamente realizzabile la proposta progettuale dei minori coinvolti e capace di mettere i ragazzi in "gioco" sui temi della cittadinanza attiva;

  3.  all'interno delle scuole, nel corso dell'anno scolastico 2010-2011 è dunque avvenuta la terza fase del progetto: la realizzazione delle proposte progettuali. Ciascuna istituzione scolastica coinvolta ha favorito l'attivazione di uno o più gruppi di lavoro di giovani studenti, che hanno lavorato su progetti elaborati nelle ore di  attività curricolare;

  4. la quarta fase del progetto ha visto la valutazione delle 15 proposte progettuali presentate dalle 8 scuole aderenti, a cura di una commissione composta da esperti esterni rispetto alla Cabina di regia. Ciascuna proposta progettuale, sponsorizzata dall'Ente locale che ha collaborato con ragazzi ed insegnanti alla definizione;

  5. la giornata di premiazione del progetto vincitore si è realizzata venerdì 27 maggio u.s. a L'Aquila alla presenza dei referenti degli Enti Locali coinvolti, delle Istituzioni scolastiche e dei giovani studenti protagonisti di questo percorso.

La fase finale del progetto prevede la realizzazione di una pubblicazione conclusiva che sintetizzi l'attività didattica svolta e che dia visibilità a tutti gli elaborati frutto dell'impegno dei minori coinvolti.  
 

"Adotta un Progetto"

Al fine di premiare l'impegno dei ragazzi e la forte motivazione che ha caratterizzato il lavoro di progettazione realizzato nelle scuole abruzzesi, si rendono disponibili nel documento allegato gli abstract delle proposte progettuali promosse dai ragazzi al fine di facilitare l'individuazione di un progetto di interesse particolare.

Si evidenzia che la Divisione III della Direzione Generale per l'inclusione, i diritti sociali e la responsabilità sociale delle imprese sarà a disposizione per eventuali approfondimenti sui progetti e per l'intermediazione con i soggetti proponenti.  

 

 

Per ulteriori informazioni:

Dott.ssa Adriana Ciampa  Tel 06/46834469

Dott.ssa  Valentina Rossi  Tel 06/46834862

e-mail: aciampa@lavoro.gov.it 

e-mail: vrossi@lavoro.gov.it