Ufficio Consigliera Nazionale Parità Ufficio Consigliera Nazionale Parità
  • In Evidenza
  • 02/03/2011
  • Lavoro a misura di mamme: Le misure di Sacconi per le famiglie.


Allarme per la disoccupazione giovanile in Italia, arrivata al 29,4% (il livello più alto dal 2004), mentre per il terzo mese consecutivo il tasso medio si attesta all'8,6%. Il ministro del Welfare Maurizio Sacconi, però, non è preoccupato, «perché da un lato la crescita determina il riassorbimento di cassintegrati e dall'altro sono in corso diffuse ristrutturazioni del tradizionale sistema produttivo. Quanto ai giovani, è ormai prossimo il rilancio del contratto di apprendistato».

Sacconi ha consegnato ieri alle parti sociali una bozza di linee guida per meglio coniugare i tempi della famiglia e del lavoro, che si propongono a vantaggio delle lavoratrici madri, ma anche dei padri e di chi deve accudire familiari, dai genitori al coniuge ai figli. Queste le possibilità previste nella bozza. Telelavoro invece che congedo. Impiego del telelavoro in alternativa ai congedi parentali o facoltativi. Entrate e uscite flessibili per madri e padri fino 3 anni bimbo. Orari flessibili in entrata e in uscita per madri e padri entro i primi 3 anni del bambino. Da tempo pieno a part-time per 5 anni materna o cura genitori. La trasformazione temporanea del rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale per i primi 5 anni del bimbo o per assistere genitori e familiari in rilevanti esigenze cura. Turni lunghi. Possibilità di orari concentrati, intesi cioè come orario continuato dei propri turni giornalieri. Buoni' colf. badanti e baby-sitter. Possibile l'erogazione da parte del datore ai propri dipendenti di buoni lavoro per lo svolgimento da parte di terzi di prestazioni occasionali di tipo accessorio per le attività domestiche e di cura: cioè come badanti, colf e baby-sitter. Asili anche aziendali; due settimane per inserimento. Via ad asili nido aziendali e interaziendali e a servizi collettivi di trasporto da e per gli asili pubblici. Oltre alla possibilità di usufruire di due settimane per l'inserimento dei bimbi alle scuole materne ed al primo anno di scuola elementare. Banca ore. Una banca ore, anche ad hoc per genitori con bimbi sino a 24 mesi, che potrebbero avere diritto, su loro richiesta, a percepire la sola maggiorazione accantonando le ore straordinarie in un conto ore. Regimi orari semestrali-annuali. Possibilità di regimi di orario di lavoro modulati su base semestrale o annuale. Impegno su mansioni madri a rientro maternità. Indicato «l'impegno», al rientro della maternità, di «assegnare la lavoratrice alle stesse mansioni» o comunque «a mansioni che non vanifichino la professionalità e l'esperienza acquisite». Lavoro anche a risultato se coniuge malato. In caso di «grave infermità» del coniuge o di un parente entro il secondo grado, il lavoro può espletarsi, per un certo periodo, anche a risultato in alternativa a permessi o congedi. Permessi non retribuiti sino a 8 anni figlio. Permessi non retribuiti in caso di malattia del figlio entro i primi 8 anni. Fondi bilaterali. Nuove competenze agli enti bilaterali, con l'ok a fondi, per il sostegno alle politiche di conciliazione. La possibilità di ricorrere al telelavoro in alternativa ai congedi parentali e di istituire e ricorrere a una banca ore. Ma anche la costituzione di asili nido aziendali e l'attivazione di servizi di trasporto appositi.

DISOCCUPAZIONE Stabile all'8,6% in gennaio Ma quella giovanile schizza ai massimi: 29,4%

I GIOVANI SENZA LAVORO (15-24 anni di età) Gennaio 2009 febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio 2010 febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre Gennaio 2011 23,9% 23,8% 24,5% 24,7% 24,0% 25,2% 25,9% 25,7% 26,6% 27,3% 26,4% 26,7% 26,6% 27,9% 27,3% 28,6% 28,5% 27,2% 26,6% 26,9% 28,3% 28,0% 28,9% 28,9% 29,4% mte.

BAMBINI - Orari flessibili in entrata e in uscita per madri e padri entro i primi 3 anni del bambino.
Permessi non retribuiti in caso di malattia del figlio entro i primi 8 anni Part time. Possibile trasformare temporaneamente il rapporto di lavoro a tempo pieno in tempo parziale per i primi 5 anni del bimbo o per assistere familiari bisognosi di cure

Leggi l’articolo (formato .pdf 963 Kb)

.