Vai direttamente ai contenuti della pagina

notizie

​10 marzo 2016

Comunicato Ufficio Stampa DTL Prato

Vigilanza manifattura cinese


La Dtl di Prato comunica che sul proprio territorio nella giornata del 9 marzo 2016, è stata effettuata una attività di vigilanza, di rilevante portata ed entità per risultati ottenuti, anche a seguito di puntuali accertamenti preventivi svolti congiuntamente con funzionari dell’Inps.

In particolare si è proceduto, nel corso di un controllo esercitato nei confronti di un’azienda tessile a conduzione cinese, ubicata nel comune di Prato, segnatamente in “zona Ciliani”, ad una articolata ispezione svolta dai Carabinieri del Nil insieme ad altri ispettori del lavoro, unitamente agli ispettori dell’Inps, nell’ambito dei servizi antisommerso programmati dalla Direzione Territoriale del Lavoro e dagli Istituti Previdenziali e Assicurativi nei confronti di ditte che presentano dati incongruenti in materia di lavoro e previdenza. Risultati raggiunti, dodici operai irregolari sui tredici controllati, otto dei quali clandestini, questa la situazione che hanno riscontrato i funzionari dell’Ispettorato del lavoro di Prato.

Al termine delle operazioni il personale operante ha denunciato, a piede libero, alla Procura della Repubblica di Prato due cittadini cinesi di 32 e 51 anni, rispettivamente titolare e cogestore dell’azienda controllata, per “sfruttamento di manodopera clandestina”, procedendo, inoltre, alla “sospensione dell’attività imprenditoriale” della ditta per l’alta percentuale di lavoratori irregolari occupati ed elevando, altresì, a loro carico, sanzioni per decine di migliaia di euro.