Sicurezzalavoro vai al sito del Ministero Lavoro e delle Politiche Sociali
 
 

 


Esperti qualificati

FAQ

  • Esiste un programma?
    Si. Allegato V, punti 10, 11 e 12 del Decreto legislativo 26/5/00, n.241 pubblicato sul s.o.n. 140/L alla G.U. n. 203, del 31 agosto 2000 - serie generale;

  • Su quali testi si deve studiare?
    Non esistono, al momento, testi ufficiali;

  • In cosa consiste l'esame?
    In un colloquio orale;

  • Quanto tempo prima ed in che ordine si viene convocati?
    Almeno 15 giorni prima, tramite servizio postale o tramite Posta elettronica certificata per coloro che ne facciano richiesta, in ordine cronologico, in base al protocollo di arrivo della domanda;

  • Se non ci si presenta agli esami si può essere riconvocati nella stessa sessione ed altrimenti la tassa può valere per l'anno successivo?
    No, non si può essere riconvocati e per sostenere gli esami nella sessione successiva bisogna riprodurre una nuova domanda pagando nuovamente la tassa.

  • A chi deve essere inviata la comunicazione di inizio tirocinio?
    La comunicazione va inoltrata alla Direzione Provinciale del lavoro competente per territorio, tramite raccomandata A/R o altrimenti consegnata a mano, che provvederà ad effettuare i necessari controlli durante i tirocini stessi.

  • Quali sono le informazioni da indicare e i documenti da allegare alla domanda di ammissione all’esame?
    Alla domanda deve essere allegato:
    1) originale dell’attestato di tirocinio firmato dall’esercente delle sorgenti o da chi ne ha la delega e deve contenere per ciascun grado l’indicazione del periodo di inizio e fine tirocinio, il numero delle giornate effettivamente svolte, il dettaglio delle sorgenti oggetto del tirocinio, il nominativo dell’esperto qualificato che ha seguito il candidato durante il periodo di tirocinio. Il tirocinio non è richiesto per coloro che sono in possesso di diploma di specializzazione post-laurea in fisica sanitaria o specializzazioni equipollenti;
    2) La ricevuta originale del versamento della tassa d’esame il cui ammontare è di € 200,39 come stabilito dal decreto 8 giugno 2001, pubblicato sulla G.U. del 29/08/2001 serie generale n.200.
    Tale versamento può essere effettuato direttamente presso la Tesoreria provinciale dello Stato, territorialmente competente, ovvero sul conto corrente postale (il numero di conto corrente deve essere verificato presso la tesoreria stessa) intestato alla sezione medesima, con l’indicazione della causale di versamento e l’imputazione al capo XXVII, capitolo di entrata 3670. 
     

 

torna indietro




Copyright 2009 lavoro.gov.it