Vai direttamente ai contenuti della pagina

Notizie

20 dicembre 2013

Nota semestrale sul mercato del lavoro degli immigrati in Italia

Il lavoro, curato dalla Direzione Generale dell'Immigrazione, è stato presentato oggi a Roma dal Ministro Giovannini

 

Nell'ultimo anno l'occupazione degli stranieri, pur centrale in molti settori, ha risentito della crisi del mercato del lavoro, anche se in forme meno accentuate rispetto agli italiani. Con riferimento al tasso di occupazione, si è passati dal 61,5% del II trimestre 2012, al 58,1% del II 2013.

Nonostante il quadro del mercato del lavoro degli stranieri mostri segnali di sofferenza, se si osservano gli andamenti su un periodo di tempo più ampio, si nota come la presenza degli immigrati sia diventata sempre più rilevante. A partire dagli anni 2000, infatti, gli stranieri hanno assorbito buona parte della crescita dell'occupazione sino al 2007 e compensato la caduta dell'occupazione italiana nel corso della crisi economica degli anni recenti.

Questi alcuni dei dati emersi nel corso della conferenza stampa sulla "Nota semestrale sul mercato del lavoro degli immigrati in Italia", redatta dalla Direzione Generale dell'Immigrazione e delle Politiche dell'Integrazione e presentata oggi dal Ministro Enrico Giovannini, dal Viceministro Maria Cecilia Guerra e del Direttore Generale Natale Forlani.

Il documento, che fornisce un aggiornamento quasi in tempo reale delle dinamiche socio-economiche e dell'andamento dell'occupazione descritti nel Rapporto annuale, evidenzia l'evoluzione congiunturale del fenomeno e le tendenze registrate nel corso degli ultimi anni, caratterizzati dalla crisi economica e occupazionale.